all is ok

LE DOGARESSE VENETE IMBATTIBILI A REGGIO EMILIA

LE RAGAZZE DEL COMITATO VENETO SENZA RIVALI, PRIMA DEL SEI NAZIONI FEMMINILE CAPPOTTO GENERALE IN UNDER 14, 16 E 18

il Responsabile Tecnico per il rugby femminile Aldo Aceto

 

 Si confermano imbattibili le ragazze venete delle selezioni coordinate dal Responsabile Tecnico Aldo ACETO.

 

Alla vigilia di Italia-Inghilterra, primo turno del Sei Nazioni femminile, Reggio Emilia ha fatto da teatro allo show impressionante delle nostre Dogaresse Under 14, Under 16 e Under 18: il torneo interregionale di rugby seven organizzato dalla FIR ha infatti registrato un record di sole vittorie e zero sconfitte nella competizione che coinvolgeva anche le rappresentative di Lombardia, Piemonte, Toscana, Emilia-Romagna e Liguria.

 

 

Vinte agevolmente tutte le partite delle fasi eliminatorie con vantaggi abissali, le finali nelle tre categorie sono andate in archivio come segue:

 

Under 14 | CR Veneto vs CR Lombardia 45-5

Under 16 | CR Veneto vs CR Piemonte 57-0

Under 18 | CR Veneto vs CR Piemonte 27-7

 

Ovviamente soddisfattissimo il tecnico Aldo ACETO: “Non posso che fare i complimenti a tutte, le ragazze e gli staff tecnici sono stati emozionanti per qualità e spirito di sacrificio messi sul campo. Oggi abbiamo avuto la riprova di come il progetto sperimentale avviato in Veneto ormai 4 anni fa stia producendo qualcosa di importante, ponendo il nostro movimento oggettivamente davanti a tutti in Italia in questo momento”.

 

 

“Non c’è nulla di casuale, grazie alla collaborazione con i Club il Comitato Veneto sta dandomi la massima fiducia su un approccio formativo che all’inizio incontrava critiche e scetticismi perché per certi versi molto innovativo. Fino ai 15 anni non lavoriamo infatti alla specializzazione del ruolo, quanto alla capacità ci confrontarsi di ciascuna atleta con qualunque situazione e specifica tecnica legata al gioco, che deve rimanere prima di tutto qualcosa di divertente e stimolante sempre”.

 

immagini d’archivio del precedente confronto con il Comité du Midi-Pyrénées

 

“Paga molto il continuo essere presenti sui campi, anche e soprattutto laddove vi sono meno numeri: solo così, con perseveranza, supportando le società e gli allenatori nel lavoro quotidiano con le ragazze si può pensare di seminare piante solide, e così la cosa sta effettivamente funzionando”.

 

“Solitamente il confronto con le altre regioni ci vede prevalere facilmente, qui in Veneto organizziamo ogni domenica circuiti seven e il livello si alza in questo modo costantemente: il vero test arriva però adesso, con la tournée Under 18 a Tolosa (la scuola più importante di Francia per il rugby femminile) dal 20 al 25 febbraio, e poi con il torneo di Grénoble del 7 aprile con l’Under 14”.