all is ok

SELEZIONI VENETE SUGLI SCUDI NELLA DOMENICA DEL SEI NAZIONI AZZURRO

Nel giorno di Italia-Inghilterra, le selezioni giovanili del rugby Veneto hanno tenuta alta la bandiera del Comitato Regionale impegnandosi in tre differenti tornei a carattere interregionale organizzati dalla FIR nell’ambito del progetto di formazione tecnica territoriale.

 

 

A Rovato (Brescia), i giovani Dogi erano presenti con le formazioni Under 15 Bianco e Under 16 Bianco in una competizione che vedeva coinvolte anche le selezioni di Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Liguria. I nostri ragazzi hanno vinto largamente tutte le partite lasciando gli avversari a zero tranne quella dell’Under 16 contro la Lombardia vinta per 4 mete a 2.

 

 

A Mogliano Veneto (Treviso), contro Lombardia, Emilia-Romagna e Friuli Venezia-Giulia, il confronto era affidato alle rappresentative Under 15 Rosso e Under 16 Rosso: l’Under 15 ha vinto 12  a 5 contro la Lombardia e perso per 5 a 10 contro il Friuli Venezia-Giulia (composto per 17 dei suoi 26 atleti da giocatori veneti “in prestito”). En-plein per l’Under 16 invece, passata di misura contro l’Emilia-Romagna (19 a 14) e più largamente contro la Lombardia (24 a 7).

 

Infine a Schio (Vicenza) mattinata in campo per le nostre due Under 18 nel doppio test contro i pari età della Lombardia: in archivio vanno una sconfitta per 51 a 31 ed un successo per 36 a 16.

 

“Siamo molto soddisfatti per come sta procedendo la stagione delle nostre selezioni”, commenta il Responsabile Area Tecnica del CRV Matteo MAZZANTINI. “Il percorso di monitoraggio e sviluppo tecnico del movimento giovanile veneto sta dando buoni risultati, confermando la bontà di un tessuto regionale che è certamente uno dei migliori d’Italia”.

 

il Responsabile Area Tecnica del CRV Matteo Mazzantini

“Domenica sui tre campi dove siamo stati impegnati si è visto del buon rugby, con i nostri ragazzi orgogliosi di rappresentare il Veneto di fronte alle altre selezioni regionali: tecnicamente e fisicamente ci sono dei prospetti estremamente interessanti, e grazie alla collaborazione con i Club crediamo davvero che si possa proseguire verso un continuo miglioramento di tutto il sistema. Le uniche criticità si riscontrano nella categoria Under 18, dove molti ragazzi anche dotati abbandonano il rugby giocato scegliendo altre strade fuori dallo sport: è un fenomeno comune a tutto il movimento nazionale, qui in Veneto magari meno accentuato che altrove, ma che comunque deve spingere tutti ad una riflessione importante perché quella è l’età del vero ricambio generazionale verso i livelli più alti, ed è chiaro che una analisi precisa sia necessaria per studiare le opportune contromisure”.

Prossimo appuntamento per le selezioni CRV l’11 di marzo, con i tornei interregionali in Emilia-Romagna e in Toscana.